Le più belle ricette per celebrare la fine dell’inverno

L’inverno passa come passano tutte le stagioni, come passano i mesi e gli anni e noi li diamo per scontati, senza renderci conto dell’importanza di tutti i momenti che non rivivremo mai più. La nostra testa è spesso occupata da pensieri inutili, governati dalle nostre insicurezze, che ci impediscono di focalizzarci su ciò che è realmente importante. A te piace cucinare?

Per molti, la cucina rappresenta il modo migliore per concentrarsi sul qui ed ora, su un qualcosa di concreto come preparare del cibo per poi mangiarlo. Immergiamoci in questo mondo dunque, fatto di ricette variopinte per celebrare con prodotti freschi ogni momento dell’anno. Su Greenme.it sono presenti una vasta scelta di preparazioni da riprodurre fedelmente oppure da cui prendere spunto. Lo faremo anche noi in questo articolo!

I mille usi del finocchio gratinato

Il finocchio è ampiamente noto come una spezia rinfrescante, caratterizzato principalmente da un gusto dolce con un leggero sottotono amaro, simile al sapore della liquirizia. Quando saltato nel burro chiarificato, può sviluppare un sapore di nocciola e un aroma robusto. Oltre alle sue qualità aromatiche, il finocchio è apprezzato per le sue proprietà benefiche per la digestione, agendo come un tonico generale per il sistema digestivo. Proviamolo in una ricetta molto italiana!

Il finocchio al forno all’italiana è un contorno semplice, arricchito con prezzemolo fresco, parmigiano e un tocco di olio d’oliva. Un piatto delizioso e salutare! Per prepararlo, pulite i finocchi, rimuovendo il gambo e tagliando il bulbo a metà nel senso della lunghezza. Eliminate il nocciolo duro al centro e affettate il finocchio a fettine sottili. In una piccola ciotola, mescolate insieme il parmigiano, il pangrattato, il sale, il pepe e l’origano. Disponete le fette nella teglia preparata e cospargetele con il composto di parmigiano. Irrorate con uno o due cucchiai di olio d’oliva e cuocete in forno fino a quando i finocchi risultano teneri. Buon appetito!

Cime di rapa originali

Le rape sono ortaggi a radice, il cui bulbo cresce sotto terra, mentre sopra il terreno sporgono alti steli e foglie, conosciute come cime di rapa. Le foglie presentano un sapore forte, terroso e leggermente pepato, risultando deliziose sia cucinate da sole che aggiunte ad altre preparazioni! Per eliminare eventuali residui di sporco e sabbia, è consigliabile immergere le cime di rapa in acqua fredda, agitandole delicatamente. Scolatele e ripetete il procedimento una o due volte, assicurandovi che le foglie siano ben pulite. Non bisogna mangiarle solo con le orecchiette!

Ortaggi vari
Ortaggi vari – Sabur Ahmed Jishan – Pexels.com

Per preparare le cime di rapa, eliminate il gambo duro tagliandolo con un coltello affilato su entrambi i lati della foglia. Successivamente, tagliate le foglie a pezzetti secondo le necessità della vostra ricetta. Le cime di rapa cotte possono essere gustate da sole come contorno oppure inserite in frittate, panini o sformati. Le foglie si prestano anche ad essere aggiunte a zuppe e stufati. Le cime di rapa possono essere apprezzate anche crude in insalata, ma le foglie potrebbero avere un sapore più forte e amaro. La cottura delle foglie attenua l’amarezza, e l’aggiunta di ingredienti come zucchero, scaglie di peperoncino e pancetta può arricchire ulteriormente il loro sapore.

La zuppa di lenticchie

Ti piacciono le lenticchie? Una bella zuppa è quello che ci vuole, finché l’inverno e il freddo ci attanagliano. Attenzione quando le acquisti: le lenticchie sono disponibili in varie dimensioni e colori, tra cui giallo, rosso, verde e marrone, con leggere differenze di sapore e consistenza. La buona notizia è che puoi utilizzare qualsiasi tipo di lenticchie per preparare una zuppa del genere, e inoltre, a differenza dei fagioli, le lenticchie non richiedono un periodo di ammollo (anche se è consigliabile selezionarle e sciacquarle prima della cottura).

Zuppa di lenticchie
Zuppa di lenticchie – Yonko Kilasi – Pexels.com

Poiché diversi tipi di lenticchie hanno tempi di cottura variabili, le lenticchie rosse cuociono più rapidamente e si disfano durante la cottura, creando una zuppa cremosa. Al contrario, le lenticchie verdi e marroni mantengono la loro forma, contribuendo a una zuppa più consistente. In una casseruola di medie dimensioni, riscalda l’olio a fuoco medio. Aggiungi cipolla, carota, sedano e aglio; condisci con sale e pepe e cuoci mescolando di tanto in tanto finché la cipolla non si ammorbidisce, circa da 3 a 5 minuti. Versa il brodo, porta a ebollizione e cuoci per 5 minuti. Aggiungi le lenticchie e cuoci finché la zuppa non si addensa leggermente, per circa 3-5 minuti. Aggiungi l’aceto, e condisci con sale e pepe secondo il tuo gusto. Goditi la tua zuppa!

Lascia un commento